martedì 24 aprile 2012

Senza parole (Laringectomia totale)

Ho bisogno di esprimere il mio dolore attraverso la scrittura, di mettere nero su bianco quello che provo per elaborarlo e lavorarci sopra.
In questi giorni la mia famiglia è stata colpita da un evento shockante.. siamo tutti in stato di schock.
Al mio papà è stato diagnosticato un tumore maligno alle corde vocali nel giro di pochissimi giorni ed in questo momento è in ospedale dove solo ieri ha subito una laringectomia totale.
D'ora in poi dovrà respirare da un buco nella gola ed ha perso l'uso della voce.
Oscillo fra uno stato di tremenda tristezza con pianti silenziosi e molto dolorosi ed uno stato di semi tristezza dove mi dico che la cosa più importante è che sia VIVO, che potrà continuare a fare tutte le cose che faceva prima: suonare la chitarra, dipingere, andare  a pescare, andare in bici... tutte tranne una: COMUNICARE ATTRAVERSO L'USO DELLA SUA VOCE.
Non è una cosa da poco ma non è nemmeno la fine...

Questo è quello che scrivevo in una bozza il 13 aprile 2012 dopo l'intervento di laringectomia totale che ha subìto mio babbo.
Ero piuttosto sconvolta dopo averlo visto uscire dalla sala operatoria inriconoscibile, senza baffi(suo tratto distintivo) rasato un po' qua e un po' là in malo modo, bianco come un lenzuolo,  gonfio in volto e con un tubo che fuoriusciva dal collo....
Per due giorni io, mia mamma e mio fratello siamo stati k.o. ognuno per i suoi motivi io per la preoccupazione di come mio padre avrebbe preso la sua nuova vita senza parole...
Sempre al suo fianco 24 ore su 24 l'abbiamo visto ritornare ad una forma ottimale nel giro di pochissimi giorni. Un decorso post operatorio non da tutti, una carica ed una grinta che mi stanno insegnando tantissimo.

Nel caso di mio padre l'evoluzione della malattia ha avuto un decorso particolare, i sintomi si sono manifestati tardivamente,(i medici pensavano soffrisse dei disturbi di abbassamento di voce e dolore alla gola persistenti già da 7/8 mesi mentre invece erano "solo" 3: da gennaio)
Solo in queste ultime settimane c'è stata la diagnosi attraverso visita otolinoalingoiatrica, biopsia, e immediata operazione. 
Informandomi su internet ho letto che già dopo 2 settimane dall'inizio di sintomi quali mal di gola e abbassamento di voce persistenti se le cure date dal medico di base non funzionano (antibiotici e in ultimo cortisone) è necessario effettuare controlli specifici.. (vallo a sapere prima..)

Per ora mio padre comunica scrivendo ma per la maggior parte del tempo "parlando" con la bocca, noi seguiamo il labiale e riusciamo a capirlo benissimo.
Chiunque lo va a trovare è stupìto della sua ottima forma.
Ha familiarizzato con tutti gli infermieri del reparto e si è pure fatto fare un foglio firme ricordo.
Dopo un intervento così invasivo la degenza in ospedale è abbastanza lunga, almeno una 20 ina di giorni poi dipende da come reagisce il paziente.
Se vorrà e noi lo "costringeremo" a farlo potrà reimparare a parlare non con la sua voce ma in modo da farsi sentire ugualmente, anche al telefono, ma per farlo dovrà andare a "scuola" essere seguito da una logopedista o da volontari che come lui hanno subìto questo intervento ed hanno reimparato a parlare.
Mi ha commosso la frase che ha "detto" i primissimi giorni dopo l'intervento quando intravedevo gli occhi lucidi sul suo volto e cioè che doveva star su per non far star male noi e noi d'altro canto entravamo nella stanza con uno spirito positivo per lo stesso motivo.
Nella mia famiglia non brilliamo per comunicabilità  ma nei momenti importanti siamo uniti e ancora una volta lo abbiamo dimostrato..

Prima e dopo l'intervento...

Sei grande babbo!!!!

15 commenti:

mammozza ha detto...

Nessuna parola, un abbraccio forte a tutti voi

Cristina: ha detto...

In bocca al lupo! Non posso dirti altro, se non che ce la farà perchè è una persona forte, come dici tu.
Un anno fa io ho subito un intervento da cui avrei potuto uscire senza l'uso della voce, ricordo al mai paura. Ma lui è un leone, riuscirà!

Pollon72 ha detto...

Un grosso abbraccio e un ancor più grande in bocca al lupo al tuo babbo!

ha detto...

Sono molto toccata da questi temi e se pubblico tanti post sulla prevenzione è perchè ho, in fondo in fondo, sempre molta paura che uno di noi si possa ammalare.
Un grande abbraccio a tutti voi.
Tutta questa grinta lo aiuterà e lo porterà a recuperare nel miglior modo possibile. Buon recupero!

6cuorieunacasetta ha detto...

Un grande abbraccio, Stella.

Cecilia ha detto...

In bocca al lupo!! Un abbraccio!
Cecilia

Ale ha detto...

Stella cara, un abbraccione forte forte e un augurio che tutto continui ad andare bene come ora, anzi meglio! Vedrai che con l'amore e la perseveranza potrà ritornare più in forma di prima! ^_^

Barbara ha detto...

sarei arrabbiatissima anche io.
ti stringo forte forte, e anche il tuo papà.
devi avere preso da lui tu.
bacio.

Robin :D ha detto...

Solo un grande abbraccio.

Marta ha detto...

Un grandissimo abbraccio

Stella ha detto...

Grazie a tutte per il sostegno! Ricambio con affetto tutti gli abbracci e i baci! <3

samuela ha detto...

ho letto solo ora questo post.... ti mando un abbraccio caloroso. Sei davvero forte!

Stella ha detto...

grzie samu! sembro forte forse ma non lo sono mica tanto :-*

Antonella ha detto...

sono entrata nel tuo blog per caso e mi sono subito piaciute le tue creazioni.... arrivata a questo post mi hai commossa, non ho potuto fare a meno di asciugarmi una lacrima... spero che adesso vada meglio. Non ti conosco, ma ti mando un abbraccio!

Stella ha detto...

@Antonella benvenuta ^^ grazie 1000 per l'abbraccio!