venerdì 3 giugno 2011

Idea libro: Indovina chi c'è nel piatto?

Questo non posso non indicarlo come libro.. è entrato da due giorni a far parte della nostra libreria ;) ordinato via internet perché nelle librerie non c'è la possibilità di acquistarlo.
Da tempo cercavo un libro di questo tipo per spiegare a mia figlia onnivora la mia scelta di essere vegetariana.
Vi riporto quello che c'è scritto all fine del libro.
"Scritto e illustrato con competenza e intelligenza del cuore, questo libro è utile per ogni genitore che voglia spiegare ai propri figli la necessità di conoscere  e rispettare gli animali e il pianeta che ci ospita tutti.
Maiali, tacchini, mucche, oche e quaglie  ma anche pesci e molte altre creature del pianeta vengono rappresentati sia nella loro condizione naturale (liberi, solidali tra loro, accoccolati e teneri, con i loro istinti e i loro rituali familiari) sia prigioneri negli allevamenti, oppure quando vengono cacciati e uccisi. Il libro mostra l'effetto che ha mangiare gli animali a sull'ambiente, sulla foresta pluviale, e sulle specie in via d'estinzione, ma anche sul nostro futuro. E suggerisce cosa fare, semplicemente, ogni giorno."

Che dire... SUPERCONSIGLIATO :)

Autore: Ruby Roth
Età: dai 4 anni




Buona consapevolezza :)

21 commenti:

Stefania ha detto...

...sperando che non sia traumatico per i bambini che, comunque, la carne la mangiano....

Stella ha detto...

@Stefania il libro di per sè affronta l'argomento in maniera delicata. Non ci sono scene traumatizzanti. Trasmette bene il fatto che gli animali hanno dei sentimenti come noi. Poi.. probabilmente vista la sensibilità dei bambini sicuramente scatenerà delle domande a cui è giusto dare delle risposte. Credo sia giusto far sapere cos'è in realtà una salsiccia.. da dove proviene.. Mia figlia di 4 anni mangia carne, ha letto il libro, mi fa domande e non è rimasta traumatizzata... continua ad adorare la carne :D (mannaggia!) ;)

Stefania ha detto...

sono certa che mia figlia prenderebbe al volo ogni scusa pur di non mangiare... ne' carne, ne' pesce, ne verdure... niente che non sia pane e cioccolato ;-)

mimangiolallergia ha detto...

Cara Stella, è un argomento che mi sta particolarmente a cuore in questa fase della mia vita, e credo che Alice si convincerebbe al volo, ma... conosci anche un libro capace di "spaventare" il marito e convertirlo?! Sono disperata perché mia figlia ora mangerebbe solo carne, lei che, compatibilmente con le sue allergie, è sempre stata onnivora. Comunque lo compro, e poi ti dico come la prende, grazie grazie

Monica:) ha detto...

Non c'è il rischio che sia traumatico per un bambino che la carne e il pesce li mangia?

Stella ha detto...

@Stefania pure io mangerei sempre pane e cioccolata ;)

Stella ha detto...

@Mimangioallergia ciao! Allora libri per adulti sull'argomento non ne conosco.. però ti posso indicare un sito dove puoi trovarne diversi. Un sito nato per la divulgazione del pensiero vegetariano e vegano.
www.agireora.org io questo libro l'ho ordinato lì :)

Stella ha detto...

@Monica dipende cosa intendi per traumatizzante e dipende che opinione hai tu. Per me che sono vegetariana e che ho permesso a mia figlia un alimentazione che comprendeva la carne il fatto che diventi consapevole di cosa c'è dietro una bistecca è importante. Ora mia figlia lo sta imparando cos'è la fettina, prima era solo un pezzo di carne non la associava ad un animale... Dopo la lettura del libro non si è traumatizzata affatto... spesso mi fa delle domande. Ma si guarda bene a smettere di mangiare carne! :D Traumatizzante è far vedere video dei macelli.. che comunque è un cosa a cui sottoporrò mia figlia quando riterrò che sarà in grado di vedere scene di quel tipo, ovvero fra un pò di anni ora ne ha solo 4 ed è presto :) Deve sapere la verità... poi con consapevolezza deciderà come alimentarsi.

Monica:) ha detto...

Sì ok, è quello che intendevo anche io... le mie figlie sarebbero un po' troppo piccole per vedere il video dei macelli, ma se questo libro va bene per la tua che ha 4 anni è anche adatto alle mie che sono entrambe alla materna.
Cerco sempre di far associare la carne che mangiano con l'animale ma mi rendo conto che, per me che andavo in vacanza in campagna, era molto più facile, i bambini di oggi sono un po' avulsi dalla realtà.
Grazie per la delucidazione, lo cercherò!

Stella ha detto...

@Monica è vero non facile capire per i bimbi! :) a presto!

mammozza ha detto...

Il tema che proponi è molto delicato: il come e di che cosa ci alimentiamo dipendono da tanti fattori più o meno consapevoli. Ti do pienamente ragione quando parli delle condizioni in cui vivono gli animali destinati all'alimentazione umana e sono convinta che nella nostra alimentazione le proteine animali siano eccessive ma l'uomo è nato onnivoro quindi quando mangio carne o pesce non mi sento contro natura.
A mio figlio sto cercando di insegnare il rispetto del cibo, di chi ha lavorato e chi si è sacrificato per farlo mangiare, in modo da evitare o per lo meno minimizzare gli sprechi.

Stella ha detto...

@Mammozza si il tema proposto è molto delicato ma da vegetariana mi sono sentita in dovere di farlo. Massimo rispetto per tutte le idee :)

mimangiolallergia ha detto...

Grazie Stella, credo che darò una sbirciatina:)

ha detto...

Ciao,
che bel libro!!!

Io sono vegetariana da 20 anni, quasi vegan da un anno poco più. La mia piccolina è onnivora sulla carta, ma vegetariana nella quasi totalità dei suoi pasti per occasione e anche per scelta (ha 3,5 anni e se ha una curiosità o siamo a mangiare da onnivori può assaggiare quasi di tutto - c'è il veto su alcune cose, ovviamente se le propongono cose che per me son poco sane rifiuto io per lei - ). Sa bene la differenza tra la "carnina vegetale" (seitan, ecc) e quella "degli animaletti" o "i pesciolini vivi" e in pratica non ne mangia se non occasionalmente. Per esempre siamo tornati ora da una vacanza e al ristorante sinceramnte era più difficile per lei che non mangia insalate e considerando l'allarme recente sulle verdure crude, e soprattutto che nel "menu bimbi" c'è SEMPRE il pollo (e perchè poi??? è una delle carni più soggette a somministrazione di ormoni e antibiotici, per cui ammetto un po' di ansia, ma mica poteva mangiare pizza ad ogni pasto! e noi mangiamo spessissimo etnico, per cui parliamo della quasi totalità delle cucine, solo all'afghano c'era un bel piatto per bimbi con le lenticchie stufate e gli spinaci con lo il formaggio di tofu :-) che ha molto gradito più l'onnipresente pollo!)

Sbagliamo a pensare che non siano in grado di capire anche da piccolissimi, come sbagliamo a non far mangiare loro come noi, o meglio ad avere timori a proporre cosa mangiamo noi se mangiamo sano e con attenzione, perchè i bimbi sono curiosi e assaggiano con gioia di tutto (salvo i momenti "solo cioccolato" ^_^). Poi per fare delle scelte, questo sì, è presto ed è una responsabilità troppo grossa che spetta a noi adulti.

A volte io ho qualche perplessità a spiegare ai figli di amici molto carnivori perchè sono vegetariana perchè in genere i bambini capiscono meglio dei grandi che si dovrebbe ridurre il consumo di carne per rispetto dei viventi e ho paura che poi i genitori vadano in scontro, ma spesso sono proprio questo tipo di genitori a volere che i figli sentano più campane, perchè un po' tutti sono consapevoli dei vari scandali alimentari e di come sia diventato innaturale il processo che porta le carni in tavola, questo libro mi sarà utile (come idea regalo).

Mammozza hai ragione, sulla carta se esistessero (più) allevamenti rispettosi potrei dirti che anche io sarei onnivora (e nei miei viaggi anni on the road prima di diventare mamma ho provato a trovarmi nella condizione di mangiare "cosa c'era" e sicuramente era allevato con massimo rispetto, per cui non ho provato disagio).

A te e a chi chideva libri per sensibilizzare gli adulti, consiglierei, se posso "Se niente importa". Sul mio blog c'è una recensione e ne ho già parlato alla padrona di casa qui http://creargiocando.blogspot.com/2011/05/scatti-di-crescita-i-miei-pero.html#comments

Questo è il libro che mi ha convinta a fare consumo MOOOOLTO più critico per i miei onnivori di casa e andare in direzione vegan... Lo consiglio di cuore a tutti perchè è una seria inchiesta giornalistica e può aiutare a capire che siamo alla vigilia di cambiamenti negativi e senza ritorno (come modificare geneticamente gli animali per ottenere carni più interessanti per il mercato a prezzo di animali che nemmeno sono in grado di riprodursi!). E' importantissimo fare consumo critico! Non è necessario diventare vegani, ma consapevoli sì! E poi agire di conseguenza. Ognuno di noi può far sì che la situazione migliori :-) e che torni un certo equilibrio "naturale". Poi possono esserci altr valutazioni (che anche io faccio) ma già questo è un passo importante.

Ops... quanto ho scritto! Scusatemi, ma è un tema cui tengo molto.
ciao!

Ciao!

Stella ha detto...

Ci grazie, grazie, grazie 1000 per il tuo contributo! Sono felice che tu abbia scritto così tanto! Grazie per il consiglio del libro mi guardo la tua recensione :)

ha detto...

Ciao Stella, grazie a te dell'ospitalità!
ops, il mio post è anche pieno di errori, scusatemi! ho scritto di getto senza rileggere e poi dovevo scappare... come ora! ciao!

kemate ha detto...

Il libro mi sembra molto interessante, ma mi puoi dare un consiglio? Ho un bimbo di 2 e l'altro di 8 può andare bene per uno dei due o è troppo difficile per uno e troppo semplice per l'altro?

Stella ha detto...

@Kemate Ciao! Benvenuta! Sicuramente il libro va bene per bimbi dai 4 in su'. Non è una favola è semplicemente una descrizione del comportamento delle varie specie di animali in libertà(con le loro emozioni, desiderio di coccole, di gioco..) e rinchiusi in allevamento accompagnati da disegni che non rappresentano scene di violenza ma di sofferenza e tristezza dell'animale. Un libro di questo tipo può essere tranquillamente sfogliato con il bimbo di 2 anni, invece che leggerlo sarai tu con parole semplici a raccontargli le figure.. che si sono un pò complicate (per il tipo di grafica ma solo per quello)per un bimbo così piccolo :)

Stella ha detto...

@Kemate per il bimbo di 8 anni va benissimo! :)

Lerri ha detto...

Grazie mille per aver segnalato questo splendido libro! Di solito si accende sempre un po' di discussione fra chi ama la carne e chi è vegetariano: ma io spero che tutti capiscano quanto gli animali da allevamento siano esseri intelligenti e sensibili, e quanto sia "strano" avere così tanto amore per i nostri animali domestici e trattare invece così male i vitellini, i cavalli e i maialini. Io immagino sempre se il nostro gatto o il nostro cane fossero catturati e rinchiusi in un allevamento intensivo in attesa di andare al macello. Leggere il terrore nei loro occhi.Del tutto indifesi, nelle mani dei macellai, o di chi li carica sui camion per portarli al mattatoio. Io che ora mi preoccupo per il mio gatto anche se si spaventa quando uso l'aspirapolvere! Bisognerebbe rispettare e amare tutti gli animali. O almeno lasciarli in pace. Complimenti per il blog!! : )

Stella ha detto...

@Lerri ciao benvenuto!! ^_^